Alla vecchia maniera (2)

Wardain aveva riorganizzato la sua malconcia armata e in vista di una nuova campagna nel Nord aveva accolto nel suo raffazzonato Stato Maggiore un anziano graduato coperto di cicatrici, veterano di due campagne contro i Barbari, il cui primo suggerimento era stato quello di impossessarsi di ogni pezzo di stoffa e di cuoio in qualche modo utilizzabile; purtroppo Angoer si era già occupato dei prigionieri nel modo preferito dal generale, ovvero col fuoco, e fu necessario battere palmo a palmo le macerie della capitale per strappare di dosso ai cadaveri, senza fare distinzione tra Elfi e fanti dei Boschi, tuniche, brache e stivali.

Continua a leggere

Annunci

Alla vecchia maniera (1)

Wardain aveva riorganizzato la sua malconcia armata e in vista di una nuova campagna nel Nord aveva accolto nel suo raffazzonato Stato Maggiore un anziano graduato coperto di cicatrici, veterano di due campagne contro i Barbari, il cui primo suggerimento era stato quello di impossessarsi di ogni pezzo di stoffa e di cuoio in qualche modo utilizzabile; purtroppo Angoer si era già occupato dei prigionieri nel modo preferito dal generale, ovvero col fuoco, e fu necessario battere palmo a palmo le macerie della capitale per strappare di dosso ai cadaveri, senza fare distinzione tra Elfi e fanti dei Boschi, tuniche, brache e stivali.

Continua a leggere

Caldo e freddo (3)

Ogni mago Barbaro, al momento di assumere il suo ruolo, giurava su quanto aveva di più caro di non usare mai il potere sui membri della famiglia. Hideanseek non aveva prestato nessun giuramento, e non si era fatto scrupolo di utilizzare il suo su Adam Bornsson prima, su tutta la famiglia poi. La riunione fu quindi stranamente poco animata per le abitudini del Nord, non essendosi registrata neanche una testa rotta, e si concluse con una commovente unanimità: Born Adamsson fu acclamato nuovamente re e fu nominato non un reggente ma un consiglio composto da Ira Magniusson, Rana Josdottir e dallo stesso Hideanseek, o meglio Hide Attempsson, cui fu demandato il compito di ascoltare le richieste del Re Fuggito.

“Partirai domani mattina, Hide Attempsson”, disse Fray Ragnarssdottir un istante dopo aver bevuto il succo del piacere del mago, cui aveva concesso la carezza che aveva così brutalmente interrotto in precedenza, “porterai le tue spade e tre guerrieri della famiglia, e non tornerai finché non te lo dirò io. E dovrai stare attento, perché il Re Fuggito non ha un mago, ma un gruppo di consiglieri molto intelligenti. Prima di ogni cosa, dovrai parlare con Bima Olisdottir, la maga della famiglia. E’ anche la donna del re, e la madre di una dei suoi figli, se convinci lei hai vinto”.

Continua a leggere

Caldo e freddo (2)

“Nella famiglia ci sono tre gruppi, e Born Adamsson è riuscito a tenerli assieme. C’è chi vorrebbe restare estraneo alle beghe dei Regni del Sud, c’è chi vorrebbe allearsi con gli Elfi e c’è chi vorrebbe allearsi con gli Uomini. Non tenere la mano ferma come un pezzo di carne morta, sai cosa devi fare, e quando avrò finito di parlare avrai la tua parte; bene, così. Adam Bornsson crede che dovremmo schierarci con gli Uomini, hai visto che ha catturato quei due Elfi il giorno in cui sei arrivato qui, e vorrebbe raggiungere il Re dei Boschi per essere tra i primi a mettersi al suo servizio ed ottenerne i maggiori benefici; quali poi, non sa neanche lui, abbiamo terra, bestie e schiavi a sufficienza per le nostre necessità. Io ho visto che dovremmo restarne fuori, da questa guerra, e che per noi non può venire nulla di buono dall’impicciarci nelle beghe del Sud. Accarezzami anche lì, come se stessi giocando con un altro uomo, lo sai che mi piace. Born Adamsson mi ha dato ascolto, mi hanno dato ascolto anche quelli che pensano che gli Elfi alla fine usciranno vincitori. E gli Elfi, comunque, sono stati più bravi. Quei due Elfi che adesso sono incatenati nella sala grande del re e che le tue spade usano per il gioco del piacere ogni volta che ne hanno la possibilità sono venuti qui per offrire doni in cambio della neutralità degli Uomini Liberi del Nord; capisci, tutto quello che ci potrebbe servire in cambio di niente, e infatti sia quelli che volevano restare neutrali sia quelli che volevano allearsi con gli Elfi sono stati pronti a seguire la linea di Born Adamsson. Solo un giovane stupido come Adam Bornsson rifiuterebbe un’offerta del genere. Vorrebbe la gloria, vorrebbe magari vedere qualcosa delle Terre Conosciute, non ha mai fatto spedizioni a sud della Frontiera, sono anni che non ne facciamo più da quando sono state distrutte tre famiglie dai guerrieri dei Regni del Sud, chi lo sa, si vede come re di qualche cosa in più della sua famiglia, re di cose e non di persone, insomma, e chissà come gli è venuto in mente. Più a fondo, non aver paura, lo sai che non mi fai male.

Continua a leggere