La battaglia: pomeriggio (1)

Una strofa dell’inno della fanteria pesante dell’armata Elfica diceva, più o meno: “Quando avanzano i lancieri le Terre Conosciute tremano”. Era nato come artificio retorico, ma Belladonna, quando era ancora Morwen ed era ancora un aspirante, sentiva davvero il terreno tremare sotto i piedi, all’unisono col passo della compagnia di cui faceva parte; marciava, insieme agli altri, sognando il giorno in cui le sarebbe stato affidato il primo manipolo ed in quei momenti era convinta di aver scelto la carriera per la quale era più adatta. Tanto tempo dopo, il suo manipolo era composto da due ufficiali con poca o nulla esperienza di combattimento e da un contadino. Sotto i suoi piedi, però, il terreno scosceso davvero tremava nuovamente. L’Elfa sapeva che finalmente, alle sue spalle, Lana Mastdottir era finalmente giunta ed aveva ordinato la carica ai suoi lancieri, venuti da così lontano per finalmente presentarsi puntuali all’appuntamento.

Continua a leggere

La battaglia: mezzodì (16)

Belladonna prese la sua decisione in fretta. La folle carica di cavalleria leggera del nemico aveva reso vano il suo piano, ma aveva anche lasciato senza guida lo sparuto gruppo di fanteria elfica; la stessa carica era stata rumorosa, e Belladonna si aspettava di veder comparire da una piccola clessidra all’altra i lancieri condotti da Lana Mastdottir. Sguainò quindi la spada lunga e si alzò in piedi, proprio davanti al nemico, una giovanissima Elfa che stava avvicinandosi cautamente dopo aver gettato un’occhiata indifferente all’Elfo disarcionato che ancora giaceva faccia a terra. Non abbastanza cautamente: la spada lunga si alzò e poi calò con un sibilo in un colpo di traverso dall’alto in basso, aprendo in due il bersaglio dalla spalla all’anca. La guardia cadde senza un lamento in un lago di sangue; Belladonna cambiò la presa sulla spada e la piantò nella gola dell’avversaria, prima di ordinare al giovane contadino: “Stammi accanto, due passi indietro, a sinistra”, e di avanzare allo scoperto, dritto incontro al nemico.

Continua a leggere